Genova: nasce un ponte per il futuro
Un supporto psicologico per i ragazzi di Genova
Redazione | 20 settembre 2018

Non c'è dubbio che il crollo del Ponte Morandi, avvenuto lo scorso 14 agosto, abbia costituito un trauma difficile da superare per la città di Genova. Allo stesso modo, non c'è dubbio che ad essere maggiormente colpiti dalla vicenda siano stati i ragazzi. 

Per questo, l'Istituto di Ortofonologia (IdO), un ente di terapia, formazione e divulgazione che negli anni ha maturato un’approfondita esperienza di collaborazione con le scuole ed ha in corso un protocollo d’intesa con il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca finalizzato a diffondere tra gli studenti la cultura della prevenzione dei comportamenti a rischio, ha deciso di attivare una rete di supporto per gli studenti, stimolandoli al racconto degli eventi subiti attraverso il lavoro in sinergia fra l'Agenzia di stampa DIRE - Diregiovani e l'emittente radiofonica Radio Jeans

I contenuti prodotti dai ragazzi saranno, poi, selezionati e pubblicati in un libro della MAGI Edizioni che sarà successivamente distribuito nelle scuole di Genova. 

L'azione si articolerà in quattro passaggi: 

 

-Interventi di psicologi nelle scuole: il progetto prevede una serie di interventi svolti nelle scuole, durante i quali gli psicologi dell’IdO affronteranno con i ragazzi il tema in oggetto. 

 

-Sportello d'ascolto on-line: verrà attivato uno sportello d’ascolto on line al fine di implementare l’azione di sostegno frontale. Attraverso il web sarà possibile offrire consulenza specifica e mirata a chiunque lo richieda, attraverso il lavoro di una équipe di esperti dell’Istituto di Ortofonologia che risponderà alle domande e sarà a disposizione in questo spazio virtuale. Le scuole, i singoli docenti, gli studenti e le loro famiglie potranno inviare qualsiasi richiesta di consulenza all’indirizzo supportogenova@diregiovani.it.

 

-Diregiovani: i professionisti, esperti nella comunicazione, di Dire – Diregiovani creeranno, nelle scuole che parteciperanno al progetto, delle “redazioni junior” permettendo ai ragazzi di partecipare a un’esperienza di giornalismo studentesco grazie al progetto editoriale “La Scuola fa notizia – Se i giovani la scrivono, i giovani la leggono”.

 

-Radio Jeans: attraverso la collaborazione con le radio del territorio e delle scuole il progetto consentirà ai ragazzi di avere accesso ad un ulteriore mezzo di espressione e di comunicazione che si rivolge in maniere diretta ai giovani. Inoltre da più di 10 anni Radio Jeans raggiunge i ragazzi anche nelle scuole attraverso la diffusione della rivista Zai.net, altro canale che verrà utilizzato ai fini di realizzare gli obiettivi del presente progetto.

Commenti