Giudizio Universale: la Cappella Sistina a 270°
Un'esperienza multisensoriale unica, un viaggio indietro nel tempo
Chiara Colasanti | 3 aprile 2018

All'Auditorium della Conciliazione va in scena uno spettacolo unico, "Giudizio Universale", che vi condurrà per mano in un viaggio indietro nel tempo, in una vera e propria immersione nella Storia dell'Arte, facendovi provare il brivido di sentirvi letteralmente a fianco di Michelangelo.
Entrando nell'Auditorium, per quanto potrete informarvi sui sofisticati strumenti tecnologici che vengono utilizzati durante lo spettacolo, non potrete rimanere indifferenti allo spettacolo che vi si parerà davanti, lasciandovi letteralmente a bocca aperta.

Musica (Sting ha composto il tema musicale originale), proiezioni, attori dal vivo, Michelangelo che ha la voce di Pierfrancesco Favino, profumi, luci: ideato da Marco Balich e realizzato con la consulenza scientifica dei Musei Vaticani, lo show è il primo esempio di un format innovativo che unisce il racconto filologico della genesi di un capolavoro con gli strumenti tecnologici adatti a declinarlo grazie a tutte le varie Arti.

Protagonista assoluta è la Cappella Sistina. Uno dei luoghi più incredibili della storia dell’arte mondiale è al centro di uno spettacolo che nasce dallacontaminazione di tante e diverse forme artistiche: da un lato l’azione fisica della performance teatrale incontra la magia immateriale degli effetti speciali, dall’altro la tecnologia più avanzata si mette al servizio di un racconto per parole e immagini mai visto prima. L’immersività di proiezioni a 270° porta lo spettatore al centro stesso dell’evento.

Una lezione di Storia, di Storia dell'Arte e di Religione in sessanta minuti in cui i nostri sensi vengono stimolati da ogni lato, qualsiasi sia la nostra lingua, vista la presenza della traduzione in simultanea in cuffia: sul sito ufficiale dello spettacolo trovate il calendario degli spettacoli, i costi dei biglietti e le offerte per le scolaresche in gita.

Commenti