Di Mattia Bonanno, Andrea Miglio
La forza del freddo

Nell’agosto 2017 verrà lanciato sulla Stazione Spaziale Internazionale il Cold Atom Laboratory (CAL) che permetterà agli scienziati di osservare e studiare la materia oscura

Proprio perchè è invisibile a ogni strumento umano, riuscire a vedere al materia oscura, ma soprattutto a studiarla, sarà fondamentale per il futuro dell’esplorazione spaziale, dato che essa compone l’85% dell’universo. Un team di ricercatori ha osservato tre superammassi di galassie con il telescopio spaziale Hubble, misurando la distorsione della luce nello sfondo causata dalla lente gravitazionale. Questa distorsione mostra la presenza di masse invisibili (appunto la materia oscura) che con la loro gravità distorcono lo spazio attorno a loro causando effetti di lente gravitazionale. La lente gravitazionale è un fenomeno caratterizzato dalla deviazione della radiazione emessa da una sorgente luminosa, a causa della presenza di una massa posta tra la sorgente e l’osservatore. È stata dunque fatta una mappa ad altissima risoluzione della distribuzione di materia oscura in questi supercluster, e scoprirne la composizione e la distribuzione potrebbe spiegare come è strutturato l’universo intero. Questo strumento, CAL, ideato dal Jet Propulsion Laboratory della NASA, è una scatola con all’interno un blocco di ghiaccio, e diversi laser e un “coltello elettromagnetico” che lavorando contemporaneamente, questi porteranno a parecchi gradi sotto lo zero assoluto il valore più basso permesso dalla fisica (-273,15°C – 0°K) gli atomi all’interno del blocco di ghiaccio, che rallenteranno la loro corsa fino ad immobilizzarsi, creando uno stato della materia chiamato condensato Bose-Einstein. Conoscere il comportamento della materia vicino a questo stato è uno dei Santi Graal della fisica moderna. Questo è un’altra cosa che il Cold Atom Laboratory riuscirà a fare, avrà la capacità di raggiungere la temperatura di 1 picoKelvin, ovvero 0,000000000001 Kelvin!  La NASA non ha mai creato o osservato il condensato Bose-Einstein nello spazio, ma solo sulla Terra; sul nostro pianeta la gravità spinge costantemente gli atomi verso il basso così da non riuscire a immobilizzarli se non per 25 millisecondi, tempo insufficiente per poter studiare questo fenomeno mentre nello spazio, in condizioni di microgravità sarebbe possibile mantenerli stabili per una ventina di secondi, per questo lo faremo sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Tutti noi abbiamo una casa che condividiamo, la Terra, che abita nel sistema solare (o meglio ci orbita). Il sistema solare a sua volta orbita all’interno della Via Lattea, la Via Lattea, per chi di voi non lo sapesse, è una galassia… Ma cosa sono le galassie e quanti tipi di galassie ci sono? Leggete oltre per saperne di più
Lontane, spesso dimenticate, eppure sopra i nostri occhi: sono le tante missioni spaziali che indagano il sistema solare alla scoperta di nuove informazioni
La parità nasce sui banchi
È davvero necessario il corpo femminile in una campagna pubblicitaria di un’adsl o di una catena di alberghi?
A scuola di cooperativa
In questa rubrica ogni mese daremo spazio alle tante iniziative che Legacoop sviluppa nelle Scuole di tutto il territorio nazionale
Liguria on air
Parte la nuova redazione radiofonica ligure
Indirizzo Comunicazione Musicale
A tu per tu con Gianni Sibilla, Direttore Didattico del master e Caporedattore di Rockol
Archivio Attualità
Rabbia Saudita (Giulia Toninelli) 27/03/17 12:47
Smartphone addicted (Gaia Ravazzi) 27/03/17 12:42
Sessualmente consapevoli (Redazione) 27/03/17 12:33
Il cacciatore di ricordi (Lucrezia Curzi) 27/03/17 12:27
Per capire il presente, ci vuole buona memoria (Redazione) 27/03/17 12:22
La parola del mese: scrittura (Redazione) 27/03/17 12:08
Un po' attori un po' diplomatici (Manuela Marcone) 27/03/17 11:50
L'impresa cooperativa arriva fra i banchi (Redazione) 27/03/17 11:45
Coppa del mondo (Jacopo ertella) 27/03/17 11:42
Tutti pazzi per il calcio (Redazione) 27/03/17 11:37