Di Massimiliano Truce
Un urlo di trascuratezza

Il Sottodiciotto Film Festival porta a Torino “My Skinny Sister”, l’opera d’esordio della regista svedese Sanna Lenken che indaga la solitudine e la sofferenza di un’adolescente anoressica attraverso gli occhi di sua sorella minore

Il più delle volte mi capitava a tavola con i miei genitori. Sentivo i loro sguardi su di me, si chiedevano se stessi mangiando. Io giocherellavo con la forchetta, muovevo il cibo da una parte all’altra del piatto, ma non mangiavo mai niente>>. A parlare è la mia amica A, con ancora negli occhi gli ultimi fotogrammi di My Skinny sister, film svedese presentato al Sottodiciotto Film Festival e reduce dal Festival Internazionale del Cinema di Berlino. Come si può facilmente intuire dal titolo, la pellicola ha per tema le ‘‘malattie del benessere’’, cioè l’anoressia e la bulimia nervosa, due patologie molto diffuse anche nel nostro Paese. Secondo le ultime stime, infatti, a soffrirne è il 15% degli adolescenti italiani tra i 16 e i 20 anni, e si sviluppa in famiglia, soprattutto in stati di trascuratezza emotiva. È proprio la vorticosa escalation della malattia ad essere documentata dal lungometraggio di Sanna Lenken. Una malattia che non ha colpevoli, ma anzi, il più delle volte fa sentire colpevoli le proprie vittime. 

Le giovani protagoniste del film sono due sorelle: Katjia (Amy Deasismont), pattinatrice su ghiaccio semi professionista in costante allenamento, e Stella (Rebecka Josephson), sorellina minore, impacciata e un po’ sovrappeso.

 

Katjia, però, nasconde un segreto. È anoressica e l’unica persona ad essere a conoscenza del suo disagio è proprio Stella, la sua più grande ammiratrice. L’ammirazione che prova la piccola Stella per Katjia, dovrà, però, fare i conti con il rischio di vederla morire a causa degli eccessivi allenamenti e della malnutrizione. La piccola vorrebbe dirlo ai genitori, ma Katja la costringe a mantenere il segreto, trascinandola in una spirale di bugie e manipolazioni.

 

Il film ci pone di fronte a un dilemma, rappresentato dalla situazione di Stella: “come possiamo aiutare una persona a cui vogliamo bene, che soffre di questa malattia, senza perdere la sua amicizia?’’. Stella troverà la soluzione, ma solo dopo tante difficoltà e grandi sofferenze emotive. <<L’anoressia è una malattia che si sviluppa in famiglia, senza essere del tutto colpa della famiglia - commenta il dottor Amianto, psichiatra specializzato in disturbi del comportamento alimentare - è una patologia tipica della società occidentale, un forte urlo accusatorio verso la trascuratezza di cui i ragazzi si sentono oggetto>>. È la trascuratezza, quindi, ad innescare la miccia. 

Una trascuratezza che diventa un’eccessiva presenza delle figure genitoriali quando queste si rendono conto della grave situazione in corso. Ma, purtroppo, in questi momenti, è proprio la loro presenza a farsi soffocante e ad aggravare il sintomo. 

A si commuove quando parla della sua esperienza da anoressica, mi spiega che: <<è un vortice. Più cerchi di non mangiare, meno hai fame e più dimagrisci. Avendo raggiunto il risultato sperato, cioè dimagrire, ti convinci di star facendo bene. Ricordo che spesso, durante le lezioni a scuola, andavo in bagno per guardarmi le ossa. Mi faceva stare meglio, mi faceva passare l’ansia>>.

E come la storia della mia amica, così arriva diretto il film: un viaggio realistico nella vita e nella mente degli anoressici. Per comprendere le reali necessità di chi soffre di questa malattia e conoscere i mezzi attraverso il quale esprimono il dolore, cioè il proprio corpo. 

Into the wild
Into The Wild è un film del 2007 diretto da Sean Penn, tratto dall’omonimo libro di Jon Krakauer,… Leggi tutto
On the road
Come adattare un capolavoro letterario al grande schermo? Sicuramente non prendendo esempio dall’opera… Leggi tutto
Impossibile smettere
Torna sul grande schermo la banda dei ricercatori del boss improvvisato Pietro Zinni. Risate assicurate
Un tuffo nel passato
Il brillante sogno del successo americano si arricchisce della nostalgia color pastello del musical francese
Il mondo non vi crederà mai
Chi dice che la memoria non possa partire dai più giovani? Un gruppo di studenti romani dei licei Vittoria Colonna di Roma ha realizzato un documentario toccante e sincero sulla realtà dall’olocausto, con la partecipazione di due testimoni, Piero Terracina e Laura Supino
La rinascita oltre la guerra
Vienna 1945: l’occupazione russa vista dagli occhi di una bambina di nome Christine
Archivio Cinema
Un ritorno magico (Gaia Ravazzi) 15/12/16 16:02
Un film... da leccarsi i baffi! (Redazione) 15/12/16 15:57
Fai bei sogni: quando la verità ci salva la vita (Martina della Gatta) 23/11/16 15:38
Ridere delle proprie paure significa cominciare a vincerle (Gaia Ravazzi) 23/11/16 15:25
Il momento di scegliere (Alberica La Montagna) 03/10/16 18:33
Il lato umano degli eroi (Francesca Lombardi) 01/07/16 11:44
Un nonno per amico (La Redazione) 06/05/16 17:32
Non abbiate paura di essere voi stessi (Visia Zito, Ludovica Serranò) 06/05/16 17:19
L'amicizia ti salva? (Francesca Lombardi) 06/05/16 16:55
Un bacio per capire, davvero (Chiara Falcone) 23/03/16 19:14