Di Alessandro Preanò
T2 TRAINSPOTTING: ritorno al passato

Il tempo passa, anche per i ragazzi di Edimburgo, ormai cresciuti. E se all’eroina si sostituiscono le droghe sintetiche e alla sregolatezza lo sconforto del futuro, la ricetta del successo si perde tra i ricordi

Alla fine è accaduto. L’occhio malinconico di Danny Boyle affoga nella nostalgia nel sequel del film cult che, per molti anni, è stato simbolo di una generazione e non solo. Mark Renton, Sick Boy, Spud e Begbie si ritrovano risucchiati nel vortice della società contemporanea che ha scelto la vita, la famiglia, il lavoro, la carriera, la palestra, la salute e la dieta; una società che si identifica in Facebook, Instagram e Snapchat; una società che non lascia spazio al ricordo e al rimpianto. T2 Trainspotting potrebbe quindi apparire a primo impatto come un’ulteriore critica alle contraddizioni del mondo moderno e alla nullità dell’esistenza umana. La pellicola dichiara, già dalle prime scene, una forte dipendenza dal precedente attraverso varie citazioni e i brani che hanno reso Trainspotting un film generazionale (Lust for Life più di tutti). L’occhio più maturo di Boyle non presenta però un’uniformità narrativa: il cineasta inglese, infatti, varia lo stile all’interno dello stesso film. Questa poca uniformità, in aggiunta all’eccessivo utilizzo di virtuosismi stilistici, desta a tratti smarrimento, nonostante riesca parzialmente a velare i limiti strutturali e di sceneggiatura del film. Il ritorno di Mark a Edimburgo e il progressivo riemergere dei legami e dei ricordi giovanili trasforma il film in una semplice rimpatriata scolastica che si nutre essenzialmente di malinconia e nostalgia per i “bei tempi”. In T2 Trainspotting emerge la mancanza di personalità e di ambizione che ha contraddistinto il primo lavoro. Non vi è prima di tutto la volontà di inoltrarsi nella realtà della trasgressione, nella descrizione del degrado giovanile e delle sue vittime incolpevoli: Boyle “scongela” i personaggi e li reinserisce come delle sagome in una società progredita e moderna senza però sconvolgerli nella loro essenza e creando, dunque, una forte contraddizione di fondo. Il fardello quindi non è più rappresentato dalla dipendenza di eroina o dal dissidio moralistico-esistenziale giovanile, bensì dalla consapevolezza di non avere un posto all’interno della società: Mark è un impiegato in procinto di essere licenziato; Simon (Sick Boy) gestisce un pub con scarso profitto e parallelamente vive di estorsioni e ricatti; Daniel (Spud) cerca di combattere la dipendenza da eroina che gli impedisce di mantenere i rapporti con la compagna e il figlio; Frank (Begbie) si dedica a furti e rapine con il figlio. Il carattere nostalgico è probabilmente il limite maggiore del film. Boyle incede inesorabilmente nella banale retorica malinconica da sequel: il frequente utilizzo di sequenze tratte dal primo film e l’eccessivo citazionismo non permettono a T2 Trainspotting di prendere una propria forma e lo privano di essenza. Il risultato dell’espediente nostalgico è dunque un “velo di Maya” che non consente una riflessione sociale ma un effimero appagamento di fronte al ricordo. Paradossalmente il tema del ricordo, insieme alla regia, rende il film a tratti piacevole perché sintomo del legame affettivo creatosi con Trainspotting, e ci induce a riflettere sull’inesorabile scorrere del tempo, probabilmente il Leitmotiv della pellicola: vi è un forte contrasto tra il culto del passato e della giovinezza, simbolo di ingenuità e sregolatezza, e lo sconforto nei confronti del futuro e della maturità, banalità e frustrazione. 

La sceneggiatura non ha la forza di traghettare il film e di sopperire alla carenza di sostanza e di tematiche sociali. Anzi, cerca di colmare quei buchi che il pubblico aveva riempito di senso e di propria interpretazione. 

Nonostante la grande attesa generatasi con l’annuncio del proseguimento delle vicissitudini di Mark Renton e compagni, la pellicola non è riuscita a ricalcare quella forte critica sociale che aveva caratterizzato il primo capitolo ed è perciò affondata inesorabilmente nella banale retorica del sequel. Boyle non è riuscito a creare un’opera di impatto in grado di dare un giusto seguito al capolavoro che ha ribaltato gli schemi della cinematografia e la cultura di massa moderna. 

Probabilmente T2 Trainspotting è stato una forzatura o un lavoro troppo pretenzioso pure per un maestro dell’ottava arte. 

Cosa rimarrà di questo film? Sicuramente una grande colonna sonora e del grande amaro in bocca.

Into the wild
Into The Wild è un film del 2007 diretto da Sean Penn, tratto dall’omonimo libro di Jon Krakauer,… Leggi tutto
On the road
Come adattare un capolavoro letterario al grande schermo? Sicuramente non prendendo esempio dall’opera… Leggi tutto
Tutto quello che vuoi
Un film sulla forza della memoria e sulla relazione tra un giovane e un anziano poeta
Impossibile smettere
Torna sul grande schermo la banda dei ricercatori del boss improvvisato Pietro Zinni. Risate assicurate
Un tuffo nel passato
Il brillante sogno del successo americano si arricchisce della nostalgia color pastello del musical francese
Il mondo non vi crederà mai
Chi dice che la memoria non possa partire dai più giovani? Un gruppo di studenti romani dei licei Vittoria Colonna di Roma ha realizzato un documentario toccante e sincero sulla realtà dall’olocausto, con la partecipazione di due testimoni, Piero Terracina e Laura Supino
Archivio Cinema
La rinascita oltre la guerra (Elisabetta di Terlizzi) 27/02/17 11:57
Un ritorno magico (Gaia Ravazzi) 15/12/16 16:02
Un film... da leccarsi i baffi! (Redazione) 15/12/16 15:57
Fai bei sogni: quando la verità ci salva la vita (Martina della Gatta) 23/11/16 15:38
Ridere delle proprie paure significa cominciare a vincerle (Gaia Ravazzi) 23/11/16 15:25
Il momento di scegliere (Alberica La Montagna) 03/10/16 18:33
Il lato umano degli eroi (Francesca Lombardi) 01/07/16 11:44
Un nonno per amico (La Redazione) 06/05/16 17:32
Non abbiate paura di essere voi stessi (Visia Zito, Ludovica Serranò) 06/05/16 17:19
L'amicizia ti salva? (Francesca Lombardi) 06/05/16 16:55