Di Chiara Mattioli
Ossimori papali

E se il prossimo Papa fosse un vescovo amico di Putin? É la ricostruzione fantastica di Mauro Mazza

La scelta di papa Metodio come protagonista del romanzo è casuale? Probabilmente no, considerato che Il destino del papa russo, ultimo romanzo del giornalista Mauro Mazza, opera a metà tra storia e pura invenzione, ambientata tra gli intrighi e i segreti delle stanze vaticane, ha al suo centro la figura di Metodio, primo papa russo della storia e amico d’infanzia di Vadimir Putin, una figura che sembra cozzare con quella di papa Bergoglio, decisamente meno incline alle burocrazie vaticane e più vicina alla gente comune. Papa Metodio, al contrario, è un personaggio di polso e non tanto un pastore di anime, ma uno scaltro politico adattato alla vita pastorale che persegue i suoi disegni in maniera determinata.
Introdotto dal segretario del Circolo “Riviera delle Palme” organizzatore del Premio, Edmondo Panaioli, e dalla Dirigente scolastica dell’istituto, Stefania Marini, Mazza ha sinteticamente illustrato il contenuto del suo romanzo, vincitore del premio nella sezione narrativa, intavolando subito dopo un ampio ed articolato dibattito che è proseguito anche dopo la conclusione dell’incontro.
Al centro della discussione il ruolo e la funzione della Chiesa oggi, che vede in papa Francesco una guida. Mazza arriva a definire, fra il serio e il faceto, l’atteggiamento del Pontefice come più simile a quello di un “parroco di campagna” che a quello del vescovo di Roma. Il giornalista attribuisce a questa desacralizzazione della figura del Pontefice, riconducibile al comportamento poco convenzionale di Papa Bergoglio, la diminuzione delle presenze dei fedeli in piazza San Pietro: emblematico in questo senso un episodio citato dal giornalista, quello in cui Papa Francesco scambia lo zucchetto papale con dei bambini. Tutto ciò, secondo Mazza, va a minare ed indebolire la cultura cristiana dell’intero continente europeo: la laicizzazione delle istituzioni, che si unisce al processo in corso di salvaguardia delle culture immigrate da altri continenti, ha portato in certi casi a snaturare i costumi e di fatto l’identità del vecchio continente, che ha nella civiltà cristiana la propria base. A riprova di ciò, cita il caso delle festività natalizie e pasquali che in Belgio sono chiamate rispettivamente “feste d’inverno” e “feste di primavera”.
Queste tesi dell’autore hanno provocato un ampio contraddittorio con gli studenti, i quali si sono sentiti coinvolti e stimolati ad esprimere il proprio pensiero, non sempre collimante con quello del giornalista. La partecipazione è stata tale, che alla fine del dibattito diversi studenti, avvicinandosi all’autore, hanno continuato a porre domande su temi di attualità come il giornalismo e la politica, l’imparzialità dei media nella divulgazione delle notizie, il referendum sulla riforma costituzionale.
Al di là delle opinioni personali del giornalista, il suo messaggio è stato indirizzato soprattutto a “vivere bene questo tempo, spalancando gli occhi sulla realtà, leggendo, andando al cinema, discutendo tra amici per farsi un’opinione sulle cose; questa è politica”.

La lingua geniale
Invitata nei licei classici di tutta Italia, dove aiuta i ragazzi a scoprire che il greco antico non… Leggi tutto
Viva il latino
A che serve il latino? È la domanda che, mentre sudiamo sulle traduzioni, spesso ci facciamo. In Viva… Leggi tutto
L'estate da leggere
Che sia scienza o sentimento, qui trovate la nostra selezione
Sogno o son desto?
Un incontro dolceamaro con l’autore di Prendiluna
Il reale?È ciò che stona
È folgorante incontrare Pennac, il romanziere che continua a raccontarci il mondo attraverso i personaggi della famiglia Malaussène
Metroromantici
I Poeti del Trullo, gruppo di giovani romani che rovesciano le carte facendo i poeti
Archivio Libri
La poetessa del web (Elisabetta Di Terlizzi) 27/03/17 13:01
Con le radici in cielo (Giulia Toninelli) 27/02/17 11:22
Tutti pazzi per l'allieva (Redazione) 15/12/16 15:38
L'altro festival (Germano La Monaca) 23/11/16 15:10
Il lato oscuro di Katniss (Diana Nova) 06/05/16 17:38
La ricetta della scuola felice (Germano La Monaca) 11/03/16 15:57
Egomaniaci (Germano La Monaca) 23/12/15 17:02
L'economia che non ti aspetti (La Redazione) 03/12/15 13:12
Scaffali diversi (Alberto Buttini) 03/12/15 13:06
Alessandro D'Avenia presenta “Ciò Che Inferno Non È” (Chiara Colasanti) 16/11/14 15:45