Di Pier Glionna
Gioco di maschera

Il teatro Stabile di Genova festeggia il nuovo anno con un Pirandello doc: “L’uomo, la bestia e la virtù”, dal 29 dicembre al 3 gennaio. Per ridere, ma anche per riflettere sui sentimenti umani. Il protagonista Geppy Gleijeses ci spiega perché

Chi sono l’uomo, la bestia e la virtù? L’uomo è Paolino, il personaggio che io interpreto, un professore di italiano che dà lezioni private al figlio della signora Perella – la virtù. In questa circostanza ha modo di frequentare la donna, di cui si innamora. La signora Perrella è però sposata con un capitano – la bestia – comandante di una nave spesso fuori città. La donna abbandonata cede quindi alla corte del professore e rimane incinta. La priorità è salvare le apparenze, per cui bisognerà convincere la bestia ad avere rapporti con sua moglie – cosa che non avviene da tre anni – per fargli credere che il figlio sia suo.

Quindi ognuno recita un ruolo, indossa una maschera… Esattamente. Questo testo incarna perfettamente il nucleo del teatro pirandelliano, dello scarto tra realtà e apparenza. Paolino ucciderebbe volentieri la bestia, ma sa che bisogna rispettare le convenzioni sociali, lui stesso dice: dentro “neri come corvi, fuori bianchi come colombi. In corpo fiele, in bocca miele”.

L’uomo, la bestia e la virtù è definita una farsa: è così? Non del tutto. La caratteristica dello spettacolo è il grottesco, cioè la commistione tra comico e drammatico, tra farsa e dramma. Troppo spesso nelle rappresentazioni si è preferito privilegiare l’aspetto comico, ma il testo è fatto di tanti livelli, e la sua grandezza consiste proprio nella maestria con cui li concilia. 

Ci sono state scelte particolari per quanto riguarda la scenografia? È un allestimento simbolico, la scenografia è una metafora della realtà, non è naturalistica. Ad esempio le sedie sono protagoniste sin dalla prima scena e tornano per tutto lo spettacolo. Poi è stata scelta un’illuminazione della scena di taglio, che ha sicuramente un suo fascino. 

Anche se dei primi del ‘900 è un testo ancora attuale? Certamente sì, perché al di là dei modi dell’epoca, delle convenzioni, i sentimenti indagati – l’amore, la gelosia, la paura – sono universali. 

Qualche giorno fa è venuto a mancare Luca De Filippo, con il quale lei ha lavorato; qual è il ricordo più bello che ha di questo grande artista?  Io sono amico di Luca, ne parlo ancora al presente: abbiamo lavorato per la prima volta insieme nel 1980 in un film su Napoli in tre puntate che andò in onda su Rai3. Fu un’esperienza bella, piacevole, molto professionale, amichevole e affettuosa. Luca era una persona schiva, ma questo non significa che fosse pedante, anzi era simpaticissimo. Lui è stato un grandissimo capocomico, spesso sottovalutato come attore e questo è ingiusto. 

Cosa consiglia ai giovani che, come me, vogliono intraprendere la carriera di attori? Fare pratica di palcoscenico e studiare. Certo, conta anche il talento, ma quello o ce l’hai o non ce l’hai. Per affinare la tecnica bisogna studiare, e io consiglio di farlo presso le grandi scuole istituzionali, penso all’Accademia “Silvio D’Amico”, o anche alle scuole dei teatri nazionali. 

E poi, cimentarsi, da subito, provando a scrivere un testo e mettendolo in scena, o anche interpretando un classico, e vedere come reagisce il pubblico. Io ho cominciato come piccolo capocomico ed è stata una buona prova. Considerate però sempre che affermarsi in questo campo è molto complesso. 

A teatro per indagare: un giallo interattivo al Petrolini di Roma
Scopri l'assassino e vinci. Non è un gioco di società, ma il leit motiv degli spettacoli di Murder… Leggi tutto
20 anni di musical: Beauty and the Beast arriva in Italia!
La Bella e la Bestia è uno di quei cartoni che hanno accompagnato generazioni su generazioni di bambini,… Leggi tutto
Futuri maestri
Si apre la rassegna multidisciplinare Futuri maestri
Navigare nella società
I detenuti-attori del carcere di Marassi tornano in scena al Duse con Billy Budd il marinaio. Ce ne parla il regista Sandro Baldacci
Sull’isola di Brook
In occasione della messinscena de “L’isola degli schiavi” di Pierre de Marivaux, la regista, Irina Brook, ci racconta come è stato per lei lavorare in Italia
Cechov parla ancora ai giovani
Elisabetta Pozzi, in scena a Genova con il Gabbiano, ci parla della sua lettura del grande drammaturgo, sempre attuale
Archivio Teatro
Maritare una figlia è un’impresa comica (Redazione di Genova) 15/12/16 16:12
Outside the box (Gaia Ravazzi) 23/11/16 15:19
Shakespeare in (RE)MIX (La Redazione) 06/05/16 17:41
Harry Potter diventa uno spettacolo teatrale (Claudia Rizzo) 11/03/16 16:03
I demoni che divorano l'amore (Camilla Gaggero) 11/03/16 15:41
Tutto in un weekend (Jessica Graciotti) 05/02/16 17:22
Quando a trionfare è il dio denaro (Gaia Ravazzi) 07/01/16 18:37
Un caffè con Mario Acampa (La Redazione) 23/12/15 18:00
Il visitatore (Gaia Ravazzi) 11/12/15 17:39
Bésame mucho in scena al Duse (Gaia Ravazzi) 03/12/15 17:00