Di Chiara Colasanti
Lettera a un cervello in fuga, questo il tema del Festival delle lettere 2017

Il Festival delle lettere rinnova l’invito a scegliere carta, penna e francobollo per inviare la propria Lettera a un cervello in fuga, il tema che guiderà la XIII edizione della più grande manifestazione italiana che celebra la scrittura epistolare.

Ogni anno sono migliaia i cervelli che partono in cerca di qualcosa, un riconoscimento, un sogno da realizzare, un’esperienza da raccontare. A volte ci si lascia tutto alle spalle, altre volte ci si allontana per poi tornare. Per alcuni è un sacrificio, per altri invece è un desiderio. Qualcuno fugge da fermo, con la testa da un’altra parte. Capita anche che ad andarsene sia il nostro stesso cervello, che proprio non ne può più di noi. 

Sono tanti i motivi per cui scappare, o desiderare di farlo: come in tutte le edizioni il Festival delle Lettere lascia la massima libertà di interpretazione a chiunque vorrà partecipare. Speranze, insicurezze, paure e fiducia: una lettera può dare libero sfogo a ogni sentimento possibile e porta chi scrive o la legge in un mondo in cui tutti possono fuggire… quello delle emozioni.

Prorogata al 15 agosto la scadenza del bando di partecipazione. Oltre al tema principale, altre tre categorie in concorso: Lettera a tema libero, Lettera dal cassetto e Lettera Under14, categoria riservata agli scrittori più giovani.

Le migliori lettere ricevute saranno lette e selezionate da una giuria qualificata. Le vincitrici per ogni categoria saranno premiate in occasione della XIII edizione del Festival delle lettere, che si svolgerà a Milano il 14 e il 15 ottobre presso l’Unicredit Pavillion in Piazza Gae Aulenti. 

A teatro per indagare: un giallo interattivo al Petrolini di Roma
Scopri l'assassino e vinci. Non è un gioco di società, ma il leit motiv degli spettacoli di Murder… Leggi tutto
20 anni di musical: Beauty and the Beast arriva in Italia!
La Bella e la Bestia è uno di quei cartoni che hanno accompagnato generazioni su generazioni di bambini,… Leggi tutto
Futuri maestri
Si apre la rassegna multidisciplinare Futuri maestri
Navigare nella società
I detenuti-attori del carcere di Marassi tornano in scena al Duse con Billy Budd il marinaio. Ce ne parla il regista Sandro Baldacci
Sull’isola di Brook
In occasione della messinscena de “L’isola degli schiavi” di Pierre de Marivaux, la regista, Irina Brook, ci racconta come è stato per lei lavorare in Italia
Cechov parla ancora ai giovani
Elisabetta Pozzi, in scena a Genova con il Gabbiano, ci parla della sua lettura del grande drammaturgo, sempre attuale
Archivio Teatro
Maritare una figlia è un’impresa comica (Redazione di Genova) 15/12/16 16:12
Outside the box (Gaia Ravazzi) 23/11/16 15:19
Shakespeare in (RE)MIX (La Redazione) 06/05/16 17:41
Harry Potter diventa uno spettacolo teatrale (Claudia Rizzo) 11/03/16 16:03
I demoni che divorano l'amore (Camilla Gaggero) 11/03/16 15:41
Tutto in un weekend (Jessica Graciotti) 05/02/16 17:22
Quando a trionfare è il dio denaro (Gaia Ravazzi) 07/01/16 18:37
Un caffè con Mario Acampa (La Redazione) 23/12/15 18:00
Gioco di maschera (Pier Glionna) 23/12/15 17:54
Il visitatore (Gaia Ravazzi) 11/12/15 17:39