Attualità
Per una moda sostenibile
La moda cambia: direttive europee e iniziative dei grandi brand verso l'eco-responsabilità
Thaide Calandra | 3 May 2022

Rinomato per essere uno dei settori più inquinanti in assoluto, responsabile di circa il 10% delle emissioni mondiali in atmosfera e che genera un quinto di 300 milioni di tonnellate di plastica a livello globale,il settore della moda è pronto ad avventurarsi in una nuova era di sostenibilità, dove tutto è ecologico e riciclato.

Le iniziative europee

Per impugnare in mano il problema di come le industrie di moda consumano e producono, un paio di settimane fa la Commissione europea ha proposto una serie di iniziative che mirano alla trasformazione sostenibile del settore produttivo, inserendo criteri standard di certificazione e salvaguardando i consumatori dal marketing ingannevole. Questo non vale solo per l’ambito stilistico ma anche per i settori dell’arredo, dell’elettronica di consumo e dei materiali da costruzione. Solo il cibo è escluso da questa nuova normativa, ma sono al vaglio dei progetti specifici a riguardo. Queste iniziative così innovative, se promosse dal Parlamento e dal Consiglio europeo, riuscirebbero a far diventare il mercato del nostro continente il primo al mondo ad acquisire regole in armonia tra loro sulla sostenibilità dei prodotti.

La moda sostenibile

Per concetto di "Moda sostenibile" o "sustainability fashion", si intende un nuovo ma ormai diffusissimo approccio con il fashion world. Esso si basa su una moda attenta alle esigenze della società, della comunità e dell’ambiente. Uno dei principi guida della moda sostenibile è il riciclo e il riuso degli abiti e la scelta di fibre tessili ecologiche e naturali, per ridurre l’inquinamento da plastica. Molte sono le aziende che si sono dedicate già da qualche anno all’approccio. Ad esempio, Zara ha dichiarato il suo impegno nel raggiungere quota 50% di prodotti realizzati con materiali riciclati e cotone coltivato ecologicamente nel 2022. Brand come Boohoo, H&M e Kering hanno mostrato rapporti sulla sostenibilità dei loro processi aziendali, promuovendo l’utilizzo di materiali riciclati e organici.

È in questo modo che le industrie stilistiche e il governo stanno collaborando per garantire un profitto anche al nostro pianeta. Con questa decisiva presa di posizione, si può ambire all'avere una moda pienamente sostenibile entro il 2030.

Commenti
SEGUICI CON
pagina Facebook pagina Twitter profilo Instagram