Liguria on air
Parte la nuova redazione radiofonica ligure che insegna ai ragazzi a padroneggiare le abilità giornalistiche e tecniche per creare trasmissioni originali sui cantautori liguri e non solo!
Redazione di Genova | 27 March 2017

Il progetto Liguria on air, sostenuto da Regione Liguria e realizzato in collaborazione con Alfa, arriva nelle scuole con un approccio originale che parte dalla tradizione musicale di questa terra. Venti scuole superiori e Centri giovani si cimenteranno nella produzione radiofonica in vere e proprie stazioni radiofoniche, dopo aver frequentato corsi di giornalismo, dizione e montaggio finalizzato alla radio con il tutoraggio di giornalisti esperti del settore.

L’attività, che comprende lo studio e l’analisi delle tematiche musicali, si pone come obiettivo quello di insegnare ai ragazzi come costruire le proprie trasmissioni e come veicolare al meglio i propri contenuti per una comunicazione consapevole. Ma come?

Innanzitutto si parte dalla scaletta della trasmissione per arrivare a definire il clock, dove vengono indicate le parti di messa in onda dei brani e il “parlato” con l’aggiunta di interviste a esperti del settore. Il metodo? Quello del learning by doing che permette un apprendimento attivo e consapevole da parte degli studenti, affiancati da professionisti.

Le redazioni radiofoniche nascenti si occuperanno anche di raccontare i cantautori liguri attraverso i propri occhi. De Andrè, Lauzi, Bindi, Tenco, Fossati e Paoli saranno proposti dagli studenti con una lettura contemporanea, attraverso interviste e la messa in onda dei brani scelti dai partecipanti. 

Collegato al percorso Sing and Song, già promosso dalla Regione Liguria per portare nelle scuole questo patrimonio ricercandone anche le radici storico-culturali, i ragazzi realizzeranno un ciclo di trasmissioni in merito con una propria chiave di lettura. L’attività con le redazioni di istituto si concentra sul Valore della parola e il senso poetico dei testi che rappresenta l’introduzione a ciascuna trasmissione. Gli studenti incaricati della redazione del programma, rintracciano come questi artisti, dotati di una straordinaria cultura, abbiano attinto al vastissimo panorama letterario, italiano e non, riuscendo ad assimilarlo, capirlo e rielaborarlo in maniera critica, fantasiosa, eccentrica, ma soprattutto “artistica”, al di fuori delle letture critiche dei saggisti o degli studiosi “ufficiali” andando alla ricerca di una propria verità interiore. 

Commenti