Orientamento scolastico: 1 ragazzo su 5 non ha ancora scelto la scuola superiore
Secondo un sondaggio di Skuola.net i giovanissimi della scuola media non hanno alcun orientamento scolastico
Anna Maria Cantarella | 5 gennaio 2018

L'orientamento scolastico alla fine della scuola media è una problema per moltissimi giovani che non hanno alcun tipo di indicazione in merito. La scelta della scuola superiore è un momento cruciale per la determinazione del futuro - scolastico ma anche professionale - degli studenti eppure sono troppi quelli che non hanno neanche fatto un banale questionario di orientamento scolastico

Il tempo utile per le iscrizioni al liceo scade il 6 gennaio eppure un recentissimo sondaggio di Skuola.net in collaborazione con Radio24 ha mostrato uno scenario inquietante: 1 ragazzo su 5 non ha ancora scelto la scuola superiore. Il sondaggio ha coinvolto 1.500 ragazzi. Il 20% di loro non ha svolto ancora nessuna attività di orientamento a scuola e la situazione è peggiore al Sud dove solo il 47% degli intervistati ha affermato di aver svolto attività di orientamento, anche minime o sporadiche, ma la media sale al Nord dove la percentuale si attesta attorno al 65%. 

Quelli che invece hanno svolto qualche attività di orientamento non sono soddisfatti: 6 ragazzi su 10 le bocciano, il 26 % teme di non trovare lavoro dopo gli studi e addirittura 2 quattordicenni su 3 hanno preso in considerazione l'idea di andare all'estero per completare la formazione o per lavorare. Indecisione, carenza di informazione, paura del futuro e desiderio di fuga verso l'estero, sono questi gli ingredienti del cocktail che rende la scelta della scuola superiore un rompicapo di difficile soluzione. 

Dal sondaggio emerge quindi un'inefficienza dell'attività delle scuole, che sono ancora carenti nell'organizzazione dell'orientamento e nell'ascolto delle esigenze dei ragazzi. Per il 28% degli intervistati, infatti, il suggerimento ottenuto a scuola in sede di orientamento non ha tenuto conto né dei suoi interessi né delle sue capacità mentre il 27% afferma addirittura di non aver avuto nessuna indicazione da parte della scuola. Strano, anche perché il MIUR indica chiaramente in una circolare che ogni scuola deve ottemperare al compito di fare orientamento scolastico consigliando alcune opzioni tra cui scegliere. Serve proprio a questo lo strumento "Scuola in chiaro", presente sul sito del MIUR, che contiene importanti informazioni sull'offerta didattica di tutti gli istituti d'Italia e un rapporto di autovalutazione-RAV. Solo il 27% degli intervistati afferma di conoscere questo strumento mentre il 73% non ne ha mai sentito parlare. E tra chi lo conosce, sono poco più della metà quelli che lo hanno utilizzato nella scelta della scuola superiore

 

 

 

 

Commenti