Insieme in una favola
I podcast “sostenibili” per grandi e piccini
Laura Marta Di Gangi, illustrazioni di Margherita Gasparro | 5 October 2020

“Credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi: essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo”. E come insegnava Gianni Rodari, così anche ActionAid, organizzazione non governativa impegnata nella tutela e nel rispetto dei diritti umani e che opera sia all’estero che in Italia, ha voluto far conoscere ai più giovani il mondo della sostenibilità attraverso le fiabe.

Lo ha fatto creando Insieme in una favola, iniziativa realizzata insieme a una task force di volontari e volontarie, impegnata nella creazione dei contenuti del portale didattico Agente0011. Il progetto si è posto l’obiettivo di contrastare il momento emergenziale post lockdown con una serie di iniziative volte ad accorciare le distanze e stimolare l’interazione tra i e le giovani, tra cui l’attivazione della radio comunitaria Kivuli. Sono stati creati podcast rivolti ai giovani, che propongono intrattenimento, ma anche momenti di approfondimento legati alle attività didattiche proposte sul sito.

Federico Rucco, coordinatore del progetto Agente0011, ci spiega che “il portale Agente0011 è costituito da due parti, una prima “aperta” in cui vengono proposte news e articoli legati la mondo degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) e dell’Agenda 2030, e una parte riservata alle scuole, ma anche agli oratori e ad altri luoghi di ritrovo per giovani, in cui ci si può iscrivere come team e completare delle missioni. Obiettivo del portale è quello di coinvolgere i e le giovani nell’attivazione concreta sul proprio territorio, facendo ricerche e informandosi così da essere cittadini più consapevoli sul tema dello sviluppo sostenibile”.

All’interno di Insieme in una favola, i ragazzi e le ragazze hanno creato dei podcast in cui narrano rivisitazioni di fiabe, ideate e pubblicate dall’ONU in una chiave attenta agli SDGs. “Abbiamo scovato queste favole, scritte e pubblicate dall’ONU, e li abbiamo contattati per avere l’autorizzazione a tradurle per la prima volta in italiano, e farne dei podcast inediti” ci ha spiegato Federico Rucco.

Annamaria, voce narrante che ha partecipato alla realizzazione delle traduzioni delle fiabe, ci ha raccontato che per lei “l’esperienza con ActionAid è stata emozionante e stimolante. Un’avventura che mi ha permesso di mettermi in gioco e capire se il mondo radiofonico potesse fare al caso mio. Sono stata attratta dalla possibilità di raccontare le fiabe attraverso i podcast perché, al contrario della lettura, l’ascolto permette a un pubblico più ampio di prestare attenzione anche mentre si svolgono altre attività”. Un modo differente di intrattenere i più piccoli ma anche per insegnare qualcosa ai grandi. E allora entriamo insieme nel mondo delle favole con gli incipit di alcuni podcast, di cui troverete il contributo multimediale nella nostra versione online.

Old Town

 

C’era una volta, in una piccola città famosa per il suo cioccolato, una famiglia unica. Ognuno di loro aveva avuto un’epoca d’oro in cui era stato eroe o eroina, era sopravvissuto alle grinfie del lupo, al sortilegio della strega, alla forza dei giganti e finalmente era felice e contento…

Elefante e Tartaruga

Da quando Piccolo Elefante disse a Pioggia che non aveva bisogno di lei, pioggia se ne andò. Senza Pioggia, tutte le terre, per quel che si poteva vedere, erano secche e sterili. Nel territorio di Piccolo Elefante era rimasta una sola pozza d’acqua che non si era prosciugata. La teneva tutta per sé, non la condivideva con nessun animale al di fuori di sé stesso. Piccolo Elefante un giorno doveva allontanarsi dalla pozza per cercare cibo e chiese a Tartaruga di fare la guardia alla pozza. La Tartaruga non poteva immaginare cosa sarebbe successo…

La Principessa di Bambù

C’era una volta un ricco tagliatore di bambù, il quale viveva con sua moglie in una foresta di alberi di bambù. A loro non mancava nulla e, nonostante le loro fortune, la loro vita sembrava triste perché non avevano mai avuto bambini. Un giorno, mentre il Tagliatore di Bambù era nel bosco, vide una splendida luce brillare da un piccolo gambo di bambù. Più si avvicinava e più la luce diventava intensa. Appena l’uomo aprì il tronco, la luce si diffuse e rivelò una bambina seduta al centro…

Aladdin

Vecchio Lad era nato povero e da ragazzo aspirava ad una vita ricca, ma non era pronto a lavorarci. Un giorno, un mago malvagio, portò il ragazzo in una conca nel terreno e gli chiese di recuperare la lampada che si trovava dentro al buco. Vecchio Lad lo fece, ma mentre stava per uscire, il terreno si chiuse e Vecchio Lad rimase intrappolato all’interno della buca insieme alla lampada. Fu allora che scoprì il genio…

 

Commenti