Francia, verso il divieto del velo per i minori di 18 anni?
Il comitato dell'Assemblea nazionale francese ha esaminato la legge che propone di vietare i simboli religiosi negli spazi pubblici ai minori di 18 anni
Anita Ndaw | 29 April 2021

A trent'anni dalla "vicenda del velo", è nata una nuova polemica sull'indossare il velo di una madre che accompagnava il figlio a scuola. Il comitato dell'Assemblea nazionale francese ha esaminato la legge che propone di vietare i simboli religiosi negli spazi pubblici ai minori di 18 anni.

La proposta

Aurore Bergé e Jean-Baptiste Moreau, deputati del Partito presidenziale (LREM) hanno presentato modificazioni sulla legge sul "separatismo" e presentato ufficialmente come "rafforzamento del rispetto dei principi della Repubblica" che mira le ragazze musulmane. Secondo un'intervista al quotidiano Le Parisien del 14 gennaio, Aurore Bergé, deputato di Yvelines (Parigi) vuole "andare oltre senza tabù e vietare ai minori di indossare qualsiasi simbolo religioso vistoso negli spazi pubblici". In questa intervista, spiega di "voler vietare di indossare abiti o indumenti che significherebbero per i minori l'inferiorizzazione delle donne rispetto agli uomini".  Pertanto, facendo una descrizione molto specifica, equiparando il velo alla "sottomissione".

Il dibattito

La maggioranza si è divisa sulla questione del velo. Tuttavia, secondo quanto riportato dai media francesi, l'esecutivo non vuole che "queste correzioni  inquinino il dibattito".  Infatti, per Emmanuel Macron, "questo argomento non avrebbe nulla a che fare con la legge che vuole mettere in atto", affermano ancora i media. Mercoledì scorso, inoltre, ha ricordato a margine di un seminario governativo che "il pericolo è di sviare il dibattito su questo tema che oggi non trova posto".  Nel suo discorso, il presidente non ha nascosto la sua paura di "elettrizzare i dibattiti su questo argomento così delicato e una ripresa politica dell'estrema destra". Per andare in questa direzione, i ministri fanno altre dichiarazioni per calmare il dibattito.  Così, un ministro ha spiegato al parigino che “il velo è solo un elemento dell'inquinamento mediatico e politico del testo. La legge sul separatismo non deve diventare una legge sul velo nell'opinione pubblica ”.

 

Commenti