Fonte: 1M NEXT
Fonte: 1M NEXT
1M NEXT: Intervista con Alteria
Settima intervista a una dei 12 finalisti
Chiara Colasanti | 16 aprile 2018

Abbiamo parlato spesso del concertone del Primo maggio di Roma e si stanno avvicinando le serate live per decretare i tre vincitori che si esibiranno sul palco di Piazza San Giovanni in Laterano a Roma. Non potevamo trattenere la curiosità e abbiamo scelto di porre quattro domande (le stesse per tutti, per par condicio!) ai 12 finalisti che si scontreranno per contendersi l'apertura del concerto del Primo maggio.

Oggi la protagonista di questa chiacchierata è Alteria, che dell'alternative rock ha fatto il suo credo.

Come ti descriveresti in tre parole a chi non ha ancora sentito la tua musica?
Un matrimonio tra cantautorato e rock. 

Come sei nata artisticamente e qual è stata l'esperienza che finora ti ha emozionato maggiormente? 
Ho iniziato a cantare nelle prime band Ai tempi del liceo ma di sicuro la necessità di raccontarmi attraverso i miei testi e la mia musica e’ maturata con il tempo. Credo che il mio ultimo disco, uscito ad Ottobre 2017, scritto interamente in italiano (prima scrivevo in inglese) sia stato per me una presa di consapevolezza importante, capire quanto la musica per me sia un’urgenza personale. Di esperienze belle ne ho vissute molte grazie alla musica : ricordo con emozione l’apertura al live dei Litfiba che hanno segnato la mia adolescenza ma la soddisfazione più’ grande ad oggi e’ stato vedere il club milanese Serraglio pieno per la presentazione del mio disco. Un’adrenalina ed una tensione positiva difficile da descrivere. 

Sogni nel cassetto e speranze/progetti per il futuro a breve termine? 
Per  iniziare, salire sul palco del Primo Maggio sarebbe la realizzazione di un bel sogno! Dopo di che mi aspetto un estate piena di concerti, in giro a far sentire il mio ultimo lavoro "La Vertigine prima di Saltare"! Per l’autunno ho un progetto ambizioso che non posso svelare e poi di certo la voglia e le idee non mancano per iniziare a scrivere nuove canzoni. 

In conclusione, quale canzone consigliate di ascoltare per farci un'idea su di te?
Domanda difficile! Di certo l’album per intero racconta le mie tante sfumature ma se devo scegliere una canzone che mi rappresenti ti dico "Peccato", che unisce sonorità rock e acustiche legate ad un testo che amo e che tratta un tema delicato come quello del “senso di colpa” .

Commenti