Musica
Alla scoperta della musica di Valerio Forconi
Chiara Colasanti | 3 July 2015

Chi è Valerio Forconi e come ti descriveresti a chi non ha ancora sentito la tua musica?
Valerio Forconi è un cantautore emergente che scrive canzoni pop rock, il cui tema principale, come diceva il suo più grande idolo Freddie Mercury, è un amore non corrisposto analizzato sotto vari aspetti.

Le tue fonti di ispirazione, non solo musicali, ma in generale?
In ambito letterario, penso che il mio poeta preferito sia Leopardi, insieme a tutti i decadenti e i simbolisti: Rimbaud, Verlaine, diciamo la Francia decadentista, Leopardi, che per me è davvero un riferimento assoluto, ma non potrei mai avvicinarmi a quel tipo di perfezione... nella vita di tutti i giorni a volte basta un film, una canzone, una persona che incontri alla fermata del bus e ti metti a fantasticare sul perché in quel momento abbia quello sguardo e quell'espressione e ci scrivi una canzone! Oppure esperienze personali veramente speciali su cui è bello scrivere... un po' come “L'infinito” di Leopardi, immaginando cosa ci sia oltre, dove noi non possiamo vedere e inventare, immaginare, per me la musica è questo: bisogna cercare di sognare e far sognare!

Il consiglio che ti sentiresti di dare a qualcuno più giovane di te che sta pensando di intraprendere questo percorso?
Non lasciare nulla al caso e soprattutto essere manager di se stessi! Al giorno d'oggi non c'è più l'ideale del talent scout che passa nel locale, ti sente e ti presente all'etichetta che è pronta a investire 20.000 euro su di te o 20 milioni delle vecchie lire come successe a Tiziano Ferro e a tanti altri che raccontano queste cose, perché purtroppo adesso l'industria musicale è molto in crisi quindi l'unico consiglio che posso dare è lavorare, ma non solo alla scrittura! Alla scrittura, ai live, alla creazione della propria immagine, a mantenere i contatti, a cercare il più possibile di autopromuoversi fin dove sia possibile! L'autopromozione e l'autogestione, secondo me, in questo momento, sono le cose più importanti!

C'è una tua canzone che ti descrive al meglio in questo momento?
Non vorrei essere troppo autocelebrativo: l'ep mi descrive, ma il pezzo a cui sono davvero tanto affezionato, sia per una questione biografica (perché è molto personale!), sia perché è il pezzo con cui tutto è iniziato e mi ha dato il coraggio di iniziare la carriera solista è “Sorriderai”, che è uscito un anno fa: è un pezzo che rimarrà tra i miei preferiti di sempre, inizia con la citazione di uno dei miei pezzi preferiti di uno dei miei artisti preferiti che è Jason Mraz, quindi direi “Sorriderai”!

C'è una domanda che nessuno ti fa durante le interviste a cui ti piacerebbe rispondere per parlare di qualcosa che ti sta a cuore?
Questa è una domanda fantastica! Ci ho sempre pensato... non lo so, mi è sempre piaciuta la domanda sui sogni nel cassetto per il futuro, in queste interviste sull'ep ho sempre parlato dell'ep e mai magari del futuro o del cosa verrà dopo questo ep, dopo questo singolo, quindi la domanda che avrei voluto sentirmi fare l'hai già fatta, quindi grazie!  

Ecco dove non perdere nemmeno un aggiornamento su Valerio: https://www.facebook.com/valerioforconimusic?fref=ts 

Commenti
SEGUICI CON
pagina Facebook pagina Twitter profilo Instagram