Il nuovo ministro della Pubblica Istruzione, Marco Bussetti
Il nuovo ministro della Pubblica Istruzione, Marco Bussetti
I concorsi per i dirigenti scolastici e i diplomati magistrale sono le prime urgenze del neo-ministro Bussetti
R.B. | 6 giugno 2018

Una gran mole di lavoro attende il neo-ministro della Pubblica IstruzioneMarco Bussetti, chiamato a farsi carico di due emergenze che tengono col fiato sospeso la scuola italiana. 

La prima riguarda il concorso per dirigenti scolastici, la cui prima prova è prevista per il prossimo 23 luglio. 

Il timore è che a settembre si verifichi un boom di reggenze, in quanto la partenza delle prove in estate inoltrata rischia di comportare la mancata copertura del fabbisogno al ritorno dalle vacanze. Non solo: i presidi aspettano anche il rinnovo del contratto.

Altri due temi cruciali, segnalati dal Sole 24 Ore, riguardano i docenti con 36 mesi di supplenza e i diplomati magistrale. Nel primo caso, il rischio è quello di non poter rinnovare i contratti mentre per i maestri e le maestre diplomati prima dell'anno scolastico 2001/2002 il rischio è addirittura quello di perdere la cattedra.

Per quanto riguarda le assunzioni, invece, potrebbero avvenire su "base regionale", come più volte dichiarato da rappresentanti politici del M5S e della Lega. 

Commenti