Via Lattea, lo scatto durato 12 anni che ritrae 20milioni di stelle
J.P Metsavainio ha impiegato circa 1000 ore di lavoro per realizzare una foto panoramica da 1,7 gigapixel del piano della Via Lattea
Pietrina Dettori | 4 May 2021

J.P Metsavainio è un astrofotografo finlandese che, in 12 anni di lavoro, è riuscito fotografare la Via Lattea. Vive a 140 km dal Circolo Polare Artico e per lui questo è il luogo perfetto per osservare le stelle. Ha iniziato questo progetto nel 2009 e ci ha impiegato 12 anni con circa 1000 ore di lavoro totali per realizzare una foto panoramica da 1,7 gigapixel del piano della Via Lattea. Un' immagine formata da 234 pannelli assemblati, molto grande e profonda, da cui si possono osservare venti milioni di stelle. Un lavoro incredibile sotto tutti i punti di vista e questa è la prova che, per ottenere degli ottimi risultati, bisogna prendersi il tempo necessario.

Attrezzatura utilizzata e l’attenzione ai dettagli

J.P Metsavainio è riuscito a crearla grazie a una fotocamera e senza l'aiuto di strutture ad alta quota e, nonostante questo, ingrandendo i dettagli si possono notare gemme nascoste. Impiegando così tanto tempo la sua attrezzatura si è evoluta nel tempo: fino al 2014 ha utilizzato un cannocchiale Meade LX200 GPS 12″, astrocam QHY9 con l’obiettivo Canon EF 200mm f/1.8 e una serie di filtri Baader. Successivamente è passato alla fotocamera astronomica Apogee Alta U16 abbinata alla lente Tokina AT-X 200mm f/2.8 e un set di filtri quadrati a banda stretta Astrodon da 50mm. Ha trascorso tante ore anche per una singola foto di alcuni corpi celesti che, a causa della luce più debole, richiedevano maggiore esposizione. L'esempio a cui lui fa riferimento è un singolo residuo di supernova che ha richiesto più di 60 ore. Un lavoro meticoloso adatto - per sua stessa ammissione - solo a una persona estremaemente scrupolosa: "Sono un perfezionista per quanto riguarda il mio lavoro. Non voglio perdere un solo prezioso momento a causa di qualche piccolo problema del software".

Commenti