Musica
Brandon Flowers e il suo "The Desired Effect"
Chiara Colasanti | 8 June 2015

A proposito del titolo dell'album: qual è questo “effetto desiderato” (il titolo del suo secondo lavoro da solista è "The Desired Effect")?

Penso che stiamo cercando di capirlo un po' tutti! L'ho scritto nelle note del mio cellulare e lo continuavo a vedere mentre scorrevo tra gli appunti, ma ho dimenticato perché l'ho scritto, ma è rimasto incastonato là...

Una domanda circa il produttore: come è stato lavorare con Ariel (Rechtshaid)? Stavi cercando qualche suono particolare per questo album? Il suono riporta molto agli anni '80!
La cosa divertente è che io stavo cercando un suono fresco, ma nessuno dice che il mio album ha un sound fresco! Pensano tutti che suoni un po' “vecchio”, forse ho fatto la scelta sbagliata! Mentre stavo registrando questo album stavo pensando che Ariel avesse le mani sul futuro, invece tutti parlano degli anni '80! Non lo so, forse ci sono delle cose... abbiamo usato delle tastiere che sono state usate da alcune band negli anni 80, tastiere autentiche... penso che ci siano delle cose davvero fresche nell'album, penso che non suoni del tutto come un album anni '80, penso che abbia un piede nel passato e uno nel futuro!

Conosciamo le tue influenze musicali, ma hai parlato anche di come “Young Goodman Brown” di Nathaniel Hawthorne ha influenzato il tuo video, quali sono le altre tue influenze letterarie o artistiche in generale?
Quando ero più giovane non leggevo tantissimo, ho letto a scuola, chiaramente ho letto i libri che tutti devono leggere e un libro che sono grato di aver dovuto leggere è “La Perla” di John Steinbeck, ora è uno dei miei autori preferiti... penso che sia proprio il mio preferito! Ho letto i grandi classici, Hemingway è fantastico, mi piace molto leggere racconti brevi perché ho sempre la sensazione di avere quattro minuti per raccontare una storia in una canzone e i racconti brevi possono aiutarti a raccontare più velocemente le storie!

A proposito dei sogni che diventano realtà (una canzone dell'album si chiama "Dreams Come True", ndr)... quale sarebbe il tuo consiglio per qualcuno che sta cercando di diventare un artista?
Sicuramente è molto romantico dire “Seguite i vostri sogni e non arrendetevi mai!”, ma ti dirò, quando stavo iniziando, mio zio ha detto una cosa intelligente! Mio zio Gary l'ha detta a mia mamma e mia mamma l'ha riportata a me: “Deve avere un'età prefissata in cui sa che dovrà smetterla!” Pensava che 30 anni fosse l'età giusta per eventualmente smettere di provarci e penso che sia un consiglio decente per qualcuno che sogna di fare questo mestiere! Hai molto tempo dopo i trent'anni per andare a scuola o fare qualcosa, ma devi avere un'età prefissata dove devi realizzare che forse il tuo sogno non diventerà realtà!

 

Commenti