Le Deva: quattro ragazze, un unico obiettivo
Quattro percorsi che passano per vari talent show e poi il progetto insieme: ecco cosa ci hanno detto su “4”
Chiara Colasanti | 2 novembre 2017

Come vi siete evolute da L’Amore Merita a oggi?

L’Amore Merita è il brano che ci ha unito, la canzone manifesto, un brano che abbiamo fortemente voluto, un inno all’amore contro ogni forma di pregiudizio, ed è stato l’inizio di tutto ed oggi siamo qui con alle spalle la copertina del nostro primo album e siamo emozionatissime. Per questo ci teniamo a dire che questo progetto del disco, iniziato con il brano L’Amore Merita, è stato realizzato in un anno e mezzo: non perché non avessimo sin da subito le idee chiare, ma perché volevamo arrivare ad oggi con la consapevolezza di avere dato tutto il meglio delle nostre possibilità. E quest’album è l’assoluta espressione di questo percorso.

 

Chi sono le Deva e come vi caratterizzate?

Nel nostro gruppo è importante la figura della donna ed è importante il numero “4”. Da qui deriva il nome Le Deva e il titolo dell’album: i Deva sono spiriti della natura appartenenti alla mitologia di diverse culture e in particolare sono noti i Deva dei quattro elementi della vita, pilastri portanti dell’Universo e noi ci siamo ritrovate perfettamente nei nostri quattro elementi. Verdiana è l’aria: “sono una persona a cui piace pensare che le persone mi sentano anche se non sono presente, anche se non mi vede”. Laura Bono è il fuoco: “continuo a scoppiettare, come un camino, ho il fuoco che mi brucia dentro. Non riesco a trovare mai una pace, è la musica che mi dona la pace”. Greta è l’acqua, simbolo di purezza. “Sono testarda, cerco di arrivare, ci metto tutta me stessa, come l’acqua che scava e trova la strada per arrivare dove vuole”. Roberta Pompa è la terra.

 

Come descrivereste il vostro disco?

Questo album è l’apice del nostro lavoro, abbiamo imparato a lavorare in squadra e ci siamo divise gioie e colpe. Stiamo lavorando molto, abbiamo un brano pronto per Sanremo in cui crediamo tantissimo! Incrociamo le dita!

Commenti