Scuola
La rivoluzione affettuosa
Più inclusione e divertimento. Ecco cosa intendiamo per “affettuosa”
Alice Nalli e Gaia Canestri | 11 October 2021


Tre parole: "Nazionale, perché i bambini del nostro Paese devono avere tutti le stesse possibilità, inclusiva, perché si parte dai più fragili, e affettuosa, perché è lì che si impara ad avere l'idea che si vive insieme con affetto". Queste sono le parole del Ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi alla domanda: "Come vede la scuola del futuro?". Affetto

Dal verbo latino afficere, toccare, commuovere lo spirito. La scuola ci insegna a…

L'accesso è riservato agli abbonati

Accesso a tutti i contenuti del sito
e all'edizione digitale del mensile
1 anno 5
Accesso a tutti i contenuti del sito
e all'edizione cartacea+digitale del mensile
1 anno 10
Sei già abbonato? Accedi

Il tuo contributo è essenziale per sostenere l'informazione di qualità e il mensile che coinvolge direttamente gli studenti italiani in un percorso di conoscenza e realizzazione dei media.