La nave di Teseo, tutte le uscite di luglio
Un giallo perduto, un inedito Geppetto, un diario di cinema, una biografia e uno studio sull’antica Roma
Serena Mosso | 27 giugno 2018

La nave di Teseo torna in libreria con cinque imperdibili uscite a luglio.

 

Grande protagonista del mese: Giorgio Scerbanenco. Il padre del giallo italiano sarà celebrato il 5 luglio allo Iulm, nell’ambito della Milanesiana, in un evento a cui parteciperanno la figlia Cecilia, Maurizio De Giovanni, Sveva Casati Modigliani, Piero Colaprico, Alberto Pezzotta.

L’omaggio, accompagnato da un concerto di Morgan, segna l’inizio della ripubblicazione dell’intera opera di Scerbanenco da parte di La nave di Teseo a partire da un romanzo inedito. L’isola degli idealisti era infatti scomparso insieme ad altri testi nel 1943 quando la Mondadori aveva spostato in tutta fretta i suoi uffici da Milano. Considerato perduto e ritrovato da poco nelle carte di famiglia, viene presentato per la prima volta ai lettori in tutto il fascino ironico tipico del suo autore.

Cecilia Scerbanenco ci propone la prima biografia del padre. Giorgio Scerbanenco, il fabbricante di storie inizia in Ucraina prima della nascita dello scrittore, nel periodo in cui la Rivoluzione divide i suoi genitori, raccontando la sua vita e l’Italia fino agli anni Sessanta. Basato su documenti inediti – Cecilia è anche la fondatrice e responsabile degli Archivi Scerbanenco – il libro restituisce i conflitti di tutta una vita (bene e male, giusto e ingiusto, sessualità e moralità, ideali e realtà) e l’imponente opera dello scrittore tra noir e romanzo popolare, la collaborazione con il cinema e con le riviste.

 

L’8 luglio al Cinema Mexico di Milano, nell’ambito della Milanesiana, lo scrittore e sceneggiatore Petros Markaris presenta Il diario di un’eternità: io e Theo Angelopoulos. Le sue pagine, cariche di ricordi, testimoniano il suo rapporto con il grande regista scomparso nel 2012. Un sodalizio da cui sono nati alcuni dei più grandi capolavori del cinema del Novecento, raccontato attraverso libri, film, passeggiate e un inserto fotografico inedito.

La presentazione del libro sarà impreziosita da proiezioni e interventi della moglie Phoebe Oikonomopoulou, Enrico Ghezzi, Dima Wannous, Giulio Sangiorgio, Andrée Ruth Shammah, Gianpaolo Donzelli, Theo Volpatti.

 

Se qualcuno si stesse chiedendo cosa sarebbe successo a Geppetto se non avesse ritrovato Pinocchio nella pancia della Balena, Edward Carey ha la risposta. L’autore di Iremon Trilogy torna in libreria con Nel ventre della balena, una versione alternativa della fiaba di Pinocchio di cui cura anche le illustrazioni originali.

Geppetto, rimasto intrappolato dopo aver cercato inutilmente di salvare il figlio in mare, scopre un mondo diverso fatto di relitti e oggetti inghiottiti. Inventa storie e ripercorre la propria, riflettendo sulla sua essenza di uomo, padre, figlio, avventuriero. Il destino narrativo separa le strade di Pinocchio e Geppetto disegnando di quest’ultimo un’immagine profonda e al contempo leggera, divertente e commovente.

 

Nel 1971 Raniero Gnoli pubblicò per la prima volta Marmora Romana, la grande raccolta e analisi dei marmi utilizzati nell’antica Roma e nel suo impero. Il viaggio delle pietre – dalle cave ai cantieri civili e sacri, dai riferimenti nella letteratura a quelli nelle fonti storiche – torna in una nuova edizione a raccontare la grandezza artistica del mondo antico. Marmi, venature, colori delle pietre sono descritti in tutta la loro ricchezza e varietà grazie a un apparato iconografico straordinario, ridigitalizzato in alta definizione.

Commenti