Giallo Carnevale
3 romanzi sul Carnevale che forse non conosci
Serena Mosso | 8 febbraio 2018

Carnevale guarisce ogni male, dice il proverbio. Ma anche un buon libro, dico io.

Perciò ecco per voi tre proposte di romanzi sul tema del Carnevale che potreste non aver ancora letto, ma di cui potreste avere una gran voglia o un gran bisogno.

Buona lettura!

 

Partiamo dal più vetusto, che poi in realtà è uscito solo nel 2012.

Si tratta di I delitti di Carnevale di Gwen Bristow e Bruce Manning, pubblicato da Polillo.

Ogni anno, la sera del martedì grasso, i seguaci del dio greco degli inferi Dis tengono un ballo in maschera nella grande casa di Cynthia Fontenay. Abbigliati con lo stesso vestito da diavolo, irriconoscibili e quasi del tutto sconosciuti tra loro, i quarantanove ospiti sfilano tra le sale abbandonandosi ai festeggiamenti. Nel bel mezzo della notte, uno di loro viene trovato ucciso con una pugnalata al cuore. Spetterà al capitano Murphy della Squadra Omicidi svelare il colpevole e fare luce sull’inquietante setta, prima che la parata del Mardi Gras si trasformi in una seconda tragedia.

 

Nuovi delitti sullo sfondo dei coriandoli per la casa editrice Sellerio, che nel 2014 ha pubblicato Carnevale in giallo. Una raccolta delle migliori indagini di vari autori, tra dolci tradizionali e travestimenti. Sul carro trionfale sfilano l’investigatore dilettante Baiamonte creato da Gian Mauro Costa, Petra Delicato e Fermìn Garzòn usciti dalla penna di  Alicia Giménez – Bartlett, i vecchietti del BarLume di Marco Malvali (che forse qualcuno ricorderà per averli già visti nella serie di Sky Cinema I delitti del BarLume),  il vicequestore Rocco Schiavone di Antonio Mancini (anche lui già avvistato alla Rai grazie all’interpretazione fuori dalle regole di Marco Giallini), il tappezziere Consonni e gli altri abitanti della Casa di Ringhiera di Francesco Recami. Tra maschere e ingannevoli costumi, l’ingegno dei protagonisti si districa di volta in volta in casi divertenti da divorare tutti d’un fiato.

 

Quando si parla di Carnevale non si può non citare anche Venezia.

Ed è lì che è ambientato il più recente dei nostri carnevaleschi consigli di lettura. Il ponte dei delitti di Philip Gwynne Jones, pubblicato dalla Newton Compton nel 2017, ci guida tra i misteriosi canali sulle tracce di Nathan Sutherland, console inglese a cui è appena stata fatta una proposta singolare: custodire un piccolo pacchetto in cambio di una forte e sospetta somma di denaro. Il pacchetto contiene un libro di preghiere illustrato dal maestro veneziano Giovanni Bellini. Sutherland accetta e si ritrova coinvolto all’interno di un intrigo mortale iniziato vent’anni prima.  

Commenti