Musica
Settore musicale, meno 97% della fatturazione rispetto all 2019
Secondo la FIMI (Federazione industria musicale italiana) con l’assenza di concerti live si stima la perdita di all’incirca 350 milioni di euro e complessivamente le perdite saranno di all’incirca 600 milioni di euro
Carolina Quinteiro | 7 May 2021

La crisi causata dal coronavirus ha coinvolto vari settori tra cui quello della musica. l blocco delle attività in seguito alle restrizioni per frenare la pandemia ha danneggiato fortemente  il mercato della musica. Questa emergenza non ha intaccato  solo i concerti ma anche i negozi di musica e tutti gli impiegati legati a questo mondo.

I cali nella fatturazione

Dal primo decreto del 4 marzo  in cui è stato dato lo stop ai concerti, il settore musicale (secondo le percentuali  date da fanpage.it ) ha perso il 97% della fatturazione rispetto al 2019 in cui i ricavi erano stati del valore di 247 milioni di euro solo in Italia. Secondo la FIMI (Federazione industria musicale italiana) con l’assenza di concerti live si stima la perdita di all’incirca 350 milioni di euro e complessivamente le perdite saranno di all’incirca 600 milioni di euro.

Soluzioni durante la pandemia

Per l’emergenza Covid molti concerti sono stati annullati e altri riprogrammati infatti i pochi guadagni che vengono ricavati dalla musica si concentrano principalmente sulle piattaforme digitali in cui sono stati fatti anche concerti online in varie  piattaforme come youtube.

La speranza di ripresa dopo la pandemia

Con la fine di questa pandemia i fan sperano di poter tornare ad assistere ai concerti dei loro artisti preferiti, alcuni tour mondiali sono già stati annunciati come quello di The Weekend che si terrà nel 2022.

Commenti
SEGUICI CON
pagina Facebook pagina Twitter profilo Instagram