Musica
Rossonoemi
Mattia Marzi | 26 March 2011

Due mesi dopo il lancio del singolo Vuoto a Perdere, brano scritto da Vasco Rossi e Gaetano Curreri, con cui ha ottenuto un imponente successo radiofonico, Noemi ha pubblicato il suo secondo album di inediti con la Sony Music, RossoNoemi.
Registrato quasi interamente negli States, l’album si avvale delle illustri collaborazioni con gli già citati Vasco Rossi e Gaetano Curreri (Vuoto a Perdere è l’ennesima perla della stravolgente accoppiata, il cui arrangiamento è stato curato da Celso Valli), della produzione di Corrado Rustici, e degli autori Federico Zampaglione e Pacifico, che firmano per la cantante romana rispettivamente Poi inventi il modo e le luci dell’alba. RossoNoemi presenta nove inediti dalle arie stravaganti e particolari, con una Noemi perfetta musa della musica italiana. Nove brani che mettono in risalto il sound più veritiero e maturo della giovane cantante; nove inediti pieni di grinta, dinamicità e passione. Il tutto accompagnato dalla consapevolezza di quell’essere “diventata grande senza neanche accorgersene’’. L’ascolto soddisfa sin da subito, e a pieni voti, le aspettative: partendo dalla entusiasmante Up (scritta dalla stessa Noemi insieme all’autore Kaballà), si percorrono canzoni dai tratti energici e vitali, come Fortunatamente, la rockeggiante Odio tutti i cantanti e l’aspra Musa. Non mancano all’appello, però, anche brani dalle arie più pacate e soffici, come la sorprendente Sospesa (scritta interamente da Noemi) e la appassionante Poi inventi il modo. L’album segna la svolta di Noemi, che si scrolla definitivamente di dosso il pesante marchio di “cantante da talent-show’’. Certamente destinato ad un pubblico di ascoltatori esperti, RossoNoemi é ricco di profumi e memorie di una musa ispiratrice del ventunesimo secolo; Noemi si diverte a donare quello sprint in più a questi nove, eccezionali pezzi. E il fascino tocca il culmine con l'aggiunta della versione live di Altrove (Morgan & Bluvertigo) presente nella versione iTunes-deluxe dell’album.

Commenti