Non solo Kulusevski e Zaniolo: ecco le giovani promesse della Serie A
Un'analisi, squadra per squadra, di tutte le stelline che si stanno affermando nel nostro campionato
Edoardo Marino e Alessandro Cardarelli | 6 March 2020

Il Coronavirus mette i bastoni tra le ruote anche al campionato di calcio, ma – dopo numerose diatribe – si decide di giocare, seppure a calendario rivisitato e senza pubblico sugli spalti. Ma non è certo l’unica sorpresa che questa Serie A sta riserbando agli appassionati di calcio! Tra una classifica inaspettata – con la Lazio momentaneamente in testa al campionato – e giovani promesse fino a poco tempo fa quasi sconosciute ai più, le sorprese non mancano certo! E allora andiamo ad analizzare le giovani stelline che stanno facendo parlare di sé.

Partendo in ordine alfabetico, troviamo l’Atalanta, squadra che stupisce ogni anno di più. Il settore giovanile ha fornito molti talenti, ma quest’anno emerge sicuramente Amad Traoré, attaccante classe 2002 che al suo esordio ha subito stupito e firmato il suo nome sul taccuino dei marcatori.

Passando al Bologna, troviamo il talentuoso gambiano Musa Barrow, ora in prestito alla squadra emiliana dall’Atalanta. Classe ’98 spiccano le sue doti tecniche e la velocità, che hanno contribuito a sfornare 3 gol e 1 assist in 7 partite.

Spostiamoci in Lombardia più precisamente a Brescia dove la Nazionale Italiana ha trovato un vero talento: Sandro Tonali. Denominato nuovo Pirlo, il centrocampista del 2000 è un giocatore fondamentale per la squadra, collezionando punizioni e assist degni del leggendario numero 21.

Casa Cagliari: nell’isola sarda troviamo un giovane portiere che ha sorpreso tutti soprattutto durante la stagione 2018-2019, Alessio Cragno. Ottimo para-rigori, riflessi fulminei e gran coraggio sono i suoi punti di forza.

A Firenze troviamo vari talenti, alcuni dei quali si sono già affermati, ma quello che più stupisce è il serbo Dusan Vlahovic. Tecnica sopraffina, esplosività e velocità nonostante i suoi 190 centimetri, dotato di un sinistro fatato che regala alla Fiorentina bellissime giocate, come dimostrano i suoi numerosi gol.

Nella squadra ligure rossoblù, spicca Pinamonti. Cresciuto nella primavera dell’Inter e ora in prestito al Genoa. È grande il rammarico di non aver potuto partecipare agli Europei ma ha molta voglia di riscattarsi e stupire il Ct.

Nella sede della Scala, in maglia nerazzurri troviamo Sebastiano Esposito. Il ragazzo 2002 è un vero beniamino dei tifosi dell’Inter, subito ben integrato nell’ambiente milanese, con grande volontà d’animo; stupiscono la sua cattiveria agonistica e il suo fiuto per il gol, dimostrato in Primavera.

Nell’altra sponda di Milano, in maglia rossonera troviamo il fantasista Rafael Leào. Arrivato da poco dal Lille, il portoghese nella stagione 2019-2020 è stata una delle note positive di un calciomercato estivo poco proficuo per i tifosi del Milan. È veloce, forte fisicamente e possiede una grande padronanza tecnica, quando attacca la profondità è difficile da fermare.

Volando in Campania, nella squadra partenopea, troviamo il macedone Eljif Elmas. Centrocampista versatile del Napoli, abile sia da trequartista sia da mezz’ala, tecnico e grande tiratore dalla distanza.

Tornando in Emilia, a Parma, troviamo l’elemento che più ha contraddistinto la finestra di mercato invernale in ambito giovanile, Dejan Kulusevski, conteso tra le squadre del derby d’Italia, con vincitrice la Vecchia Signora. Lo svedese ha sfornato 5 gol e 7 assist in 22 incontri fino ad oggi e le sue caratteristiche sono quelle tipiche di un regista portato perlopiù per l’attacco, con un roseo futuro.

Spostandoci nella Capitale in maglia giallorossa, il nome più in evidenza è sicuramente Nicolò Zaniolo. Il classe ’99 è uno dei giocatori più talentuosi della Roma. Dotato di grande forza fisica, determinazione e cattiveria agonistica il giovane ha tutte le carte in regola per diventare uno dei giocatori italiani più importanti in futuro. Peccato per l’infortunio al crociato che l’ha messo k.o. fino a fine stagione.

A Reggio Emilia, casa Sassuolo, troviamo il francese Jeremie Boga, che quest’anno in particolare ha posto il suo nome sulla bocca di tutti, con molteplici reti anche in partite difficili. Dotato di un grande sinistro e di grande tecnica, il talento delle giovanili del Chelsea ha segnato 7 gol e fornito 2 assist, contribuendo ai successi del Sassuolo.

A Verona troviamo il mediano Amrabaat, indispensabile per il gioco della squadra gialloblù e anch’egli molto conteso nella finestra di mercato invernale tra Napoli in pole position, Inter e Juventus, rimanendo però nella città di Romeo e Giulietta.

Commenti